mercoledì, febbraio 28   >

Il bivio di Ruggeri, due vicoli ciechi

Prima di tutto propongo una colletta per comprare un pacco di vocali e consonanti e farne dono a quest'uomo, così, per fargli provare le piccole gioie del linguaggio, l'ebbrezza di articolare una frase di senso compiuto, oltre a 'in questa notte di venerdi perché non dormi perché sei qui'.
Ero curioso di guardare il programma, sapevo che avrebbero proposto il caso Zanfretta, abbastanza noto all'ufologia internazionale. Avrei molto gradito un approccio analitico e razionale al fatto, senza i soliti pregiudizi e approssimazioni.
Dopo pochi minuti è subito chiaro che non c'è trippa per gatti. Il programma è un carrozzone, la parola d'ordine è arraffazzonamento. Il conduttore, unico vero alieno, oltre a mancare di un lessico per comunicare con i terrestri in studio, non ne sa mezza manco a leggerla su una legione di gobbi. Ma va avanti e fa domande e interventi che farebbe Luca Giurato nel sonno dopo una porchetta e un fiasco di sangiovese.
Sempre il nostro evaso da un ipod, spaccia per scoop un video che gira sul web da quando lui aveva i capelli e gli autori condiscono la scena con la presenza di un tipo esagitato in mezzo al pubblico che sbraita di aver filmato la madonna (che lo campa, aggiungo io).
Ciliegina? Il contraddittorio affidato a un esperto, chi é? Cecchi Paone. Ho detto tutto? Ho detto tutto. Caro Roberto Giacobbo, lo so, ti capisco.

Al povero Zanfretta, al termine, gli offrono come bivio la possibilità di conoscere una donna selezionata ad hoc da un'agenzia matrimoniale o tornarsene a casa in solitudine. Come a dire 'scopa che i dischi volanti non li vedi più'. Naturalmente Zanfretta sceglie la solitudine e se ne va fuori dalle balle dimenticandosi clamorosamente di mandare affanculo tutto lo show. Ma sono quelle dimenticanze che si possono sempre recuperare.

PS. mi sa che dovrò modificare la head di questo blog, dopo la avvenuta mutazione del Cecchi da desaparecido a Jack in the Box della tv. Si accettano proposte.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Sono un'ingenua. Ho creduto che una volta che il nostro amato, panzuto e bretelluto Ale avesse fatto sto tanto famoso "autiing",noi aficionados avremmo sudato sette camice per scovarlo, immerso in un Tutankamon o in un Benito. E sarebbe stata una gran soddisfazione!

E invece ti dirò, Jed, vederlo lì, colla panza de fòra, che chiede "cambi o stai?" e occhieggia alla Eva, ammiccante, mi fa una certa cosa.


Oh, non mi perdo una puntata, sia chiaro!

Per amicizia e masochismo.


Ciao:)

La Siù

emi ha detto...

mamma mia uno schifo davvero questo programma! sintesi perfetta alla quale concordo! 1 saluto!

Stefan ha detto...

maaa..in sintesi,sta sfera che anche i cerchi nel grano dipingono per largo e per lungo ma ndo sta??

Posta un commento