giovedì, gennaio 8   >

Costa contro Striscia

Di solito trovo le aggressioni di Striscia molto tamarre con quella caccia disperata al disservizio-pane che fa campare i vari capitan sturacessi, morinobidello, i cantori sardi del cazzo etc. Però quest'ultimo servizio sull'operazione pubblicitaria camuffata da operazione umanitaria apre un mondo molto vasto che se Ricci vorrà esplorare a fondo darà i suoi succosi frutti. Guardare il video di Edoardo Costa che ridacchia e spara superpose in mezzo alla miseria keniota è un'esperienza a dir poco esilarante, poi se uno dopo vuole anche picchiarlo per un'oretta con una mazza da baseball o infilarlo con una lancia Masai, ci sta tutto.