domenica, gennaio 24   >

Ma amalo tu

Salire a piedi un palazzo di 6 piani a 40 anni ti fa capire tante cose sulla preparazione atletica, il fiato e tutte quelle cazzo di cose lì. Ma stendiamoci sopra un bel velo pietoso e procediamo. Sei piani. Dodici rampe di un vecchio e putrido palazzo che di piani ne conta nove. Io vado al sesto a trovare una vecchiaccia mia parente. L'ascensore? Fuori servizio.
Ogni piano 4 appartamenti. Ogni appartamento una famiglia che cucina, procrea, starnutisce, urla, suda e caga. I finestroni d'ogni piano sono ben chiusi per evitare che tutta questa cultura olfattiva vada persa, giustamente. Tu sali e cresce l'affanno, di conseguenza respiri sempre più avidamente e divori sempre più puzza. Inglobi nubi di particelle volatili staccatesi da pentoloni, pannoloni, monnezze, mobili, tubi e cessi vari. Storie di broccoli, merit, mastrolindi, cavoli, acque di colonia, piedi marci, candeggina, muffe, dolci in cottura, di lettiere di gatti e stufe a gas.
Salendo ingobbito e agonizzante pensi a quella grande stronzata che andava ripetendo quell'illusionista moltiplicatore di sfilatini, ama il prossimo tuo come te stesso, e sorridi.

Nessun commento:

Posta un commento